Infotec

Torna alla lista news
20.03.2019 / Consigli tecnici

Le novità 2019 sull’uso del rame in agricoltura

Gli ultimi mesi sono stati particolarmente caldi per quanto riguarda il tanto dibattuto tema del rame in agricoltura.
Il percorso normativo di riduzione dei dosaggi di rame metallo ha portato infine alla definizione di un limite in vigore fino al 2025.

Il limite è stato fissato a 28 kg/ha, una riduzione che dovrà avvenire nei prossimi 7 anni, con una media di 4 kg/ha all’anno. Fino al 31 dicembre 2025, quindi, anche in Italia la normativa dovrà essere rispettata, con la possibilità però di una dilazione fino a 6 kg/ha all’anno.

 

Cosa cambia con la nuova normativa

L’agricoltura ha sempre beneficiato dell’uso del rame come sostanza naturalmente anticrittogamica. L’attuale scenario, invece, ha richiesto di fare nuovi ragionamenti sulla difesa delle colture, con formulati sempre più performanti e etichette più moderne.
In questo contesto Manica ha deciso di muoversi con una nuova registrazione di prodotti e etichette, per andare incontro alle nuove esigenze.

In primo luogo sono stati registrati gli utilizzi in vegetazione su colture come l’Actinidia, il Pesco, l’Albicocco e il Ciliegio, oltre a una sostanziale riduzione dei tempi di carenza su Vite e Pomacee, che ora è di soli 7 giorni.
In secondo luogo sono stati abbassati i dosaggi di etichetta di molti prodotti, che arrivano al di sotto dei 500g di rame metallo per applicazione in molte colture. Per piante come la Vite e il Pomodoro, che necessitano solitamente di numerosi trattamenti, questo aggiornamento è fondamentale e consente ancora una cura profonda ed efficace nel lungo periodo.

 

Vuoi sapere di più sulle novità di etichetta?

Trova il prodotto più interessante per te e consulta la Scheda Prodotto.

 

Iscriviti alla newsletter

Condizioni