Home > News > Consigli tecnici > TYTANIT e il titanio in agricoltura: più forza nell’allegagione
19-03-18 / Consigli tecnici, Fiere / Eventi, Comunicazione, Novità Prodotti,

TYTANIT e il titanio in agricoltura: più forza nell’allegagione

L’allegagione è una delle fasi cruciali per la formazione del frutto. Curare la crescita di grappoli e frutti è infatti il primo passo per un’ottima produzione annuale.

In numerosi contesti si può registrare un insufficiente livello di allegagione, che talvolta si mantiene costante nel tempo e produce una diminuzione cronica delle rese a ettaro.
Questo è un altro caso in cui la natura può venirci in aiuto: grazie a un elemento semplice come il titanio, possiamo rinforzare le colture nelle fasi produttive più cruciali. Gli effetti benefici del titanio sulle piante sono dimostrati da circa 20 anni: migliora la biosintesi della clorofilla e favorisce la germinazione del polline sullo stigma.

Manica suggerisce in questa stagione i trattamenti con TYTANIT, un concime biostimolante a base di magnesio e titanio. Con la sua applicazione si aumenta la vigoria e l’impollinazione della pianta, fino ad ottenere un incremento totale della produzione.  Queste prestazioni sono assicurate da test eseguiti su Lambrusco di Sorbara, una varietà di vite predisposta all’acinellatura. Qui si è verificata l’efficacia di TYTANIT nella riduzione dell’acinellatura mediante 4 trattamenti (leggi la pubblicazione del test su L’Informatore Agrario – PDF).

 

Come usare TYTANIT per migliorare l’allegagione

TYTANIT contiene 8,5 g di titanio in 1 litro ed è raccomandato per la concimazione fogliare o durante l’irrigazione delle colture. Il dosaggio consigliato è di 0,2-0,4 litri per ettaro su cereali a paglia, mais, soia, legumi, pomacee, drupacee, vite, pomodoro, fragola e piccoli frutti.

 

Vorresti sapere di più sul titanio e sul prodotto Manica?
Consulta la Scheda prodotto o contattaci a info@manica.com

Share this article

TwitterFacebookLinkedIn